Home page > Interviste e racconti > Europa > Italia
Castel Volturno

“Un regolamento di conti”, così, subito dopo i fatti, veniva liquidata un po’ da tutti la strage di Castelvolturno. Giovedì 18 settembre 2008, un commando camorrista fa irruzione nei locali della “Ob Ob exotic fashions”, una sartoria della zona, spara 130 pallottole con mitra e pistole e lascia a terra sette uomini, tutti di origine africana. Sei i morti, mentre uno di loro riesce a sopravvivere fingendosi morto. Già, un regolamento di conti, del clan dei casalesi contro i migranti dalla pelle scura, originari del Togo, della Liberia, del Ghana, lavoratori che con il traffico di droga e la camorra nulla avevano a che fare. Un’azione di puro razzismo, dunque, che “regola i conti” con lo stato e forse con le altre mafie per ribadire una supremazia sul territorio sparando nel mucchio dei migranti perché tale supremazia tocca anche il loro lavoro, spesso in nero.

Ma per cominciare a stabilirlo è stata necessaria la rivolta dei migranti, che il giorno successivo alla strage hanno manifestato la loro rabbia e le loro verità lungo la via Domiziana chiedendo addirittura allo stato di intervenire per proteggerli. Lo stato, che nel frattempo ha cambiato versione – da regolamento di conti ad atto terroristico, sino alla “guerra civile contro lo stato” secondo le ultime dichiarazioni del Ministro Maroni – manda 400 poliziotti e, come ormai di consueto, l’esercito. 500 militari lungo una via, quella della rivolta dei migranti, forse a fermare i migranti privi di permesso di soggiorno e riaffermare la sicurezza made in Italy. In questa sezione segnaliamo i video, le immagini, le interviste dedicati all’insicurezza dei migranti e alle loro verità.

(settembre 2008)

Castel Volturno. Chi erano i migranti uccisi (settembre 2008)

Castel Volturno, momenti della rivolta dei/lle migranti (settembre 2008)

Castel Volturno, Alcune interviste dopo la protesta dei/lle migranti (settembre 2008)

Castel Volturno, la ricostruzione dei fatti (settembre 2008)

Parla Joseph, sopravvissuto alla strage

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter