Home page > Immagini e Video > Immagini
reportage Cachan (Sara Prestianni)

Giovedì 17 agosto 2006 a Parigi lo squat di Cachan è stato sgomberato. Trecento famiglie del Mali, Costa d’Avorio, Algeria e Marocco sono finite in strada

il posto dove vivevano da tre anni preso d’assalto dalle “forze dell’ordine” poliziotti e cani dappertutto

La sola proposta: un albergo per cinque giorni proprio a lato dei due aeroporti di Parigi Roissy e Orly.

In attesa di una espulsione, ma in albergo!

In attesa di una espulsione, ma in albergo!

Poche famiglie accettano la proposta

gli altri decidono di occupare la strada di fronte allo squat

bambini, donne e uomini si accampano sotto la pioggia e sotto l’occhio di centinaia di poliziotti chiamati da tutta la regione parigina.

Venerdi la seconda espulsione

questa volta ancora più violenta della prima:

per sgomberare gli “occupanti della strada di Cachan”,in prevalenza bambini sotto i tre anni, il governo di Sarkozy mette in campo duemila crs in assetto da guerra.

Bilancio della guerriglia: un bambino di sei mesi con doppia frattura al braccio, una donna incinta gravemente ferita, un uomo con costole fratturate e una donna con frattura al ginocchio, varie persone prese da convulsioni da panico.

Accerchiamento, le truppe avanzano, le persone si addossano una sull’altra: 2000 robot contro 200 donne e bambini.

L’accerchiamento continua

fino a quando il sindaco davanti ad una scena di tale violenza cede e mette a disposizione per tre notti una palestra.

I bagagli e le famiglie assieme a loro sono “condotti” verso la palestra, ma ci si rende conto che solo una parte potrà rimanere che al chiuso, mentre gli altri dorvranno dormire all’aperto

le donne, i bagagli, i materassi e bambini ammassati, resteranno dentro alla palestra.

Domenica 3 settembre sono ancora lì

le malattie si diffondono

per il freddo e la stanchezza

la politica dello stato è quella dello sfinimento

sfinire trecento persone con controlli ad ogni angolo della strada

detenzioni, espulsioni

camionette perennemente allineate all’angolo della strada.

Il lunedì in Francia ricomincia la scuola

molti sans papiers che vivono nella palestra di Cachan rischiano di essere arrestati accompagnando i loro figli a scuola.

Fino ad oggi 50 sans papiers sono stati arrestati, 15 liberati per vizi gravi di procedura, 30 sono incarcerati in un cpt, due persone sono state espulse in Mali.

A due delle persone che sono in detenzione è stato tolto l’affidamento del loro figlio di un anno: loro sono in cpt in attesa dell’espulsione a Roissy, il bambino in un orfanotrofio à Vitry.

Gli abitanti di Cachan resteranno per due mesi in una palestra, per poi essere dispersi in vari alloggi di fortuna.

http://www.squatcachan.ras.eu.org/

(Sara Prestianni, marzo 2008)

Espulsione dello squat di Cachan

Resistenza all’espulsione

Resistenza all’espulsione

Espulsione dello squat di Cachan

Espulsione dello squat di Cachan

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter