Nella stessa rubrica

Statement of the Syrians after the shipwreck to the European Union (Italy, october 2013)

Let’s take this sorrow seriously. Giusi Nicolini, Mayor of Lampedusa, answers the mothers and the families of the Tunisian missing migrants

C’est au sérieux que nous devons prendre cette douleur. Giusi Nicolini, maire de Lampedusa, répond aux mères et familles des migrants tunisiens disparus

Prendiamo sul serio questo dolore. Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa, risponde alle madri e alle famiglie dei migranti tunisini dispersi.

Appello per i migranti tunisini dispersi/نداء من أجل التونسيين المهاجرين المفقودين/Appel pour les migrants tunisiens disparus/Petition for missing Tunisian migrants/Unterstützungsaufruf für die vermissten tunesischen Migranten

"Da una sponda all’altra: vite che contano". Lettera ai ministri degli interni e degli esteri italiani e tunisini/رسالة للوزراء /Lettre aux ministres (Italia, 14 gennaio 2012, italiano/arabo/francese)

Cie 2011. Cronologia delle resistenze (a cura di Martina Tazzioli, Italia, gennaio 2012)

Una lettera da Adama (Italia, 17 dicembre 2011)

Donne italiane e tunisine: lettera alle giornaliste (dicembre 2011)

Per Mor per Modou (appello del Coordinamento Regionale dei Senegalesi in Toscana, Italia, dicembre 2011)

Attraverso il deserto e il mare (AMISnet, audiodocumentario, Italia, Luglio 2011)

http://amisnet.org/agenzia/2011/07/04/attraverso-il-deserto-e-il-mare/

Dall’Egitto a Israele, dalla Grecia all’Italia. “Attraverso il deserto e il mare” è il racconto di viaggio di due delle rotte più battute dai migranti che si muovono lungo le coste del Mediterraneo. Nell’audio-documentario sono raccolte le voci dei protagonisti di questi lunghi e pericolosi viaggi.

Oggi in Israele vivono circa trentamila profughi. Provengono dall’Eritrea, dalla Somalia, dal Sudan o dal Darfur. Il loro viaggio, fatto di incontri, pericoli e scelte fortuite, li ha portati in questa terra medio orientale. Hanno dovuto oltrepassare di nascosto la frontiera che separa l’Egitto da Israele, attraversando il deserto del Sinai. Alcune organizzazioni israeliane che si battono per i diritti dei profughi, come Physician for Human Rights e Hotline for migrants workers, dopo numerosi colloqui sono riuscite a ricostruire la realtà dei campi nel deserto egiziano, all’interno dei quali i passeurs, spesso beduini, tengono segregati i migranti. Lunghi periodi senza cibo e acqua, torture, violenze sessuali, sparizioni.

Molti dei rifugiati che si sono mossi verso Israele avevano prima tentato di raggiungere l’Europa passando dalla Libia, ma non c’erano riusciti, a causa di un accordo tra l’Italia e la Libia, con cui l’Italia ha respinto migliaia di migranti sulle coste nordafricane. Altri invece hanno tentato di entrare nel vecchio continente passando dalla Turchia e poi dalla Grecia. Nella penisola ellenica oggi vive più di un milione di migranti. Agli afgani, iracheni, pachistani e iraniani negli ultimi anni si sono aggiunti migliaia di africani. La maggior parte di loro considera il paese solo una terra di passaggio, una porta di accesso alla “vera Europa”, che cerca di raggiungere in tutti i modi. La rotta più battuta è quella dell’attraversamento dell’Adriatico, ma ad Ancona, così come a Venezia, a Bari e a Brindisi, è difficile sottrarsi ai controlli della polizia. I porti sono blindati e spesso chi arriva è respinto nel porto greco da cui è partito, che è anch’esso altamente sorvegliato. La frustrazione dei migranti che vedono svanire la speranza di partire giorno dopo giorno è sempre più forte e sono frequenti i tentativi di fughe disperate, ad esempio a piedi, attraverso l’Albania.

Questo documentario fa parte di un progetto realizzato con il sostegno della Anna Lindh Foundation, da Amisnet, Active Vision e Servizio Civile Internazionale.

Le testimonianze sono quelle di Habtum, Kabdum, i ragazzi della collina di Igoumenitsa, Polixeni Andreadou, l’associazione Kinisi, l’associazione Diktio, l’Ambasciata dei diritti delle Marche, Najibullah, Youssef, Ali.

Grazie a Ali (Laboratorio 53), Anna Maria Giordano e Maria Angela Spitella per averci prestato le loro voci.

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter

Sovereto: centro di seconda accoglienza (2007)

Prigioni libiche (interviste raccolte nel Centro di detenzione di Lampedusa) (2007)

Migranti e capitali a oriente del Nordest (2001-2002)

Gruppo Richiedenti Asilo Roma, 2008

Boat Migration to Italy (2007)

In altre parole

Forme di auto-organizzazione, Venezia-Treviso, Italia, 2002-2004

Corelli: diario di una rivolta (luglio 2008)

Che ci faccio io qui? Storie di donne migranti, Roma 2007 (a cura di Asinitas Onlus)

Castel Volturno

Testimonianze dai Cpt (interviste di Marco Rovelli, Italia 2005)

Io non sono un ladro di fiori, io stesso mi son fatto rosa (dal taccuino di Zaher Rezai, dicembre 2008)

Donne dall’est Europa (interviste di Laura Lobina, Italia 2006)

“Veli svelati”. Soggettività del velo islamico (Interviste di Donatella Romanelli, Italia 2007)

Tunisia Ventimiglia (Italia, interviste audio, 9 aprile 2011)

Mentone Ventimiglia: siamo tutti clandestini. Teatri dell’immedesimazione (Italia, aprile 2011)

Esistenze sospese e resistenze al CARA di Mineo (Italia, gennaio 2012, a cura di Glenda Garelli e Martina Tazzioli)