Nella stessa rubrica

Italia-Tunisia. Accordi tra repressione e falsità (di Monica Scafati, febbraio 2018)

In alto mare, testimonianze da un naufragio. Tunisia 8/9 ottobre 2017 (a cura di Monica Scafati, dicembre 2017)

A volte tornano. Un uomo tunisino sopravvissuto al sequestro libico (video, Italia-Tunisia-Libia, novembre 2017) (Imed Soltani, Monica Scafati)

"Il mio nome è Khalid, vengo dalla Siria. (...)" (video, Italia, Lampedusa, dicembre 2013)

"Sorry for not drowning". The 11th October shipwreck in the Mediterranean Sea (video, october 2013)

Syrians blocked in Calais (video, November 2013)

"Siamo i siriani del naufragio avvenuto l’11 ottobre 2013...." (video, Italia, novembre 2013)

Roma: funerale per il naufragio del 3 ottobre (Italia, ottobre 2013)

Superstiti e bare: il tradimento dell’Europa (video, Enrico Montalbano ottobre 2013)

Marocco/Spagna: tentativo di superare la frontiera (settembre 2013)

Ribelli nel Sahara, maltrattamenti alla frontiera (video, 21 giugno 2011)

Rivoluzionari e razzisti: il video dell’Ansa è un falso?

Lezione di giornalismo all’italiana. C’è un video girato col telefonino. Non si sa dove né quando. Mostra una fila di uomini costretti a strisciare nella sabbia, mani e piedi legati, sotto i colpi di alcuni militari armati. Le immagini sono arrivate in qualche modo alla redazione dell’Ansa, la più importante agenzia stampa italiana, che il 21 giugno lo ha pubblicato in esclusiva sul proprio sito, scrivendo che le immagini sono state girate nella città libica di Kufra, al confine meridionale con il Sudan, e che le vittime sono stranieri rastrellati dai ribelli libici di Benghazi. La notizia - e il video - rimbalzano sulle principali testate italiane. Il video però ha tutta l’aria di essere un falso. E vi spieghiamo perché. A partire da questa immagine. Che altro non è che un frame del filmato dove si riconosce chiaramente la bandiera sudanese sulle uniformi dei militari. Intanto però, se non l’avete ancora visto, riguardatevi il video.

La prima cosa che balza all’occhio è che vittime e carnefici sono neri. Certo si può obiettare che a Kufrah la maggior parte della popolazione libica è nera. Ma ci sono altri elementi. Tutti gli uomini armati hanno una divisa militare, mentre sappiamo che la maggior parte dei ribelli non sono soldati, ma civili armatisi in modo volontario. E ancora: sulle uniformi non c’è nessun segno distintivo: né la bandiera tricolore dei ribelli, né la bandiera verde dei lealisti di Gheddafi, ma soltanto una scritta bianca su sfondo rosso dove si legge "polizia" e un’altra parola che non si riesce a vedere bene. L’unica bandiera che si vede con chiarezza, cucita sulla manica di un militare è la bandiera sudanese, che ho ingrandito e riportato nella foto in alto. Infine non c’è nessun simbolo della rivoluzione, né sulle auto dei militari, né sui muri delle case. Niente che ricordi il delirio simbolico delle città della rivoluzione, da Misrata a Benghazi, dove ogni muro e ogni automobile è tappezzato di slogan e bandiere tricolori. Come se non bastasse poi, il dialetto arabo parlato dai militari non è sicuramente libico, ma più probabilmente sudanese.

In sostanza la cosa più plausibile è che si tratti di una pattuglia della polizia di frontiera sudanese al confine con la Libia, i cui metodi non sono certamente delicati, tanto più che è di questi giorni l’allarme dato dal governo di Khartoum secondo cui alcune milizie del Darfour combatterebbero in Libia al fianco di Gheddafi.

Se mi permetto di fare tutti questi distinguo è proprio perché sono stato il primo in Italia a denunciare i crimini razzisti occasionalmente commessi da elementi della ribellione libica, proprio con una serie di video amatoriali filmati con i telefonini che però non lasciavano adito a dubbi.

Come dire che per la fretta di uno scoop l’Ansa ha dimenticato di fare le adeguate verifiche. Forse perché quelle immagini si sposavano bene con l’allarmante notizia data quattro giorni prima da Frattini di un patto per nuovi respingimenti in Libia siglato col governo transitorio di Benghazi. Della serie: ecco che fine faranno con quelli del Consiglio transitorio di Benghazi.

Così facendo però, l’Ansa ha dato una bufala. E così facendo ci perdiamo di credibilità tutti noi che queste cose le scriviamo e le diciamo da tempo.

(Gabriele Del Grande)

http://www.ansa.it/web/notizie/videogallery/mondo/2011/06/21/visualizza_new.html_814791112.html

ansa: IT Un video pubblicato in esclusiva sul sito dell’Ansa (www.ansa.it) documenta infatti anche violenze e umiliazioni da parte delle truppe ribelli che combattono il regime del colonnello. Quest’ultimo ha infatti assoldato numerosi stranieri come mercenari per il suo esercito. Le immagini, girate di nascosto con un cellulare a Kufra, una localita’ al confine tra la Libia e il Sudan, riprendono un gruppo di migranti bloccati dalle truppe anti governative.

I profughi, tra i quali si notano alcuni minori, hanno le mani legate e sono costretti dai militari a strisciare per terra. Le immagini riprendono gli uomini in divisa, armati con mitra Kalasnikov, mentre colpiscono gli immigrati con alcuni frustini. Il video e’ stato girato da un nigeriano di 32 anni che ha cercato di fare il doppio gioco: prima si e’ proposto come ’’informatore’’, facendo capire ai ribelli di poter fornire loro informazioni sul flusso di profughi provenienti dal deserto del Sahara.

Poi e’ fuggito a Sabha, nella zona controllata dalle truppe ’’lealiste’’, chiedendo ai militari di Gheddafi di potersi imbarcare per Lampedusa dove e’ approdato circa due settimane fa. Le organizzazioni umanitarie come l’Alto commissariato Onu per i rifugiati hanno gia’ denunciato la difficile situazione dei profughi provenienti dall’area sub sahariana che entrano in Libia, stretti tra le persecuzioni dei militari di Gheddafi, che prima li rinchiudevano in carcere e adesso li caricano a forza sui barconi diretti a Lampedusa, e quelle dei ribelli che hanno visto numerosi stranieri ingaggiati come mercenari da Gheddafi. Secondo il racconto dell’autore del video, i profughi - dopo le violenze e le umiliazioni subite - sarebbero poi stati respinti nel deserto.

http://www.ansa.it/web/notizie/videogallery/mondo/2011/06/21/visualizza_new.html_814791112.html

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter

I video di Ursula Biemann (Federica Sossi, gennaio 2008)