Nella stessa rubrica

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Aprile 2011

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Marzo 2011

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Febbraio 2011

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Gennaio 2011

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Dicembre 2010

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Novembre 2010

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Ottobre 2010

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Settembre 2010

Cronologia degli sgomberi dei campi rom a Milano. Gennaio 2011

Cronologia degli sgomberi Gennaio 2011

13 Gennaio:

— > Ex –Scalo Farini (Milano); alcune tende appartenenti a rom romeni sono state distrutte da 30 agenti delle forze dell’ordine. Al momento dello sgombero era presente una sola persona rom.

— > Zona Idroscalo (Segrate); 120 rom italiani e francesi vengono sgomberati dalle forze dell’ordine. 30 caravan e 30 auto vengono allontanate dalla cittadina di Segrate.

— > Via Triboniano, insediamento regolare del Comune di Milano; le prime 2 famiglie di rom romeni residenti a Triboniano, entrano negli alloggi assegnati loro da Comune e Prefettura.

“Dopo la decisione del tribunale civile di Milano che aveva stabilito l’obbligo da parte del Comune di Milano di assegnare le case popolari ai Rom, in adempimento di accordi già presi a cui era seguita poi una «marcia indietro». In particolare, come comunicato dalla Casa della carità, due delle dieci famiglie rom del campo nomadi di via Triboniano che hanno «vinto» la causa civile in primo grado - contro il sindaco di Milano Letizia Moratti, il ministro dell’Interno Roberto Maroni e il prefetto del capoluogo lombardo - sono già entrate nelle case popolari, mentre altre due famiglie entreranno nel fine settimana e altre due ancora entro fine mese.” Redazione Online (13.01.2011)

17 Gennaio:

— > Via Breda; 9 rom romeni vengono sgomberati da una cascina abbandonata di proprietà privata. Nelle dichiarazioni pubbliche il vice-sindaco Riccardo De Corato parla di circa 6500 rom allontanati in 4 anni, l’80% in meno.

"Non li abbiamo spostati da una via all’altra ma ne abbiamo ridotto la presenza dell’80%, tanto che secondo il prefetto Gian Valerio Lombardi, commissario straordinario per l’emergenza nomadi, oggi i rom romeni, sinti (spagnoli e italiani) e camminanti presenti nell’intera provincia di Milano sono circa 1.500 (più della metà in città), mentre nel 2007 erano 8mila". E’ quanto ha affermato, tra l’altro, il vicesindaco e assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Riccardo De Corato, nel consueto incontro a Palazzo Marino per rendere noto il bilancio annuale della polizia locale di Milano in materia di sicurezza. Una diminuzione, secondo De Corato, dovuta alla politica della "tolleranza zero", che nel solo 2010 ha visto operare 156 sgomberi effettuati dalla polizia locale di altrettanti consistenti insediamenti abusivi, "un intervento ogni due giorni, più del doppio dell’anno scorso quando erano stati 75 (dal 2007 sono stati 392), l’installazione di diversi dissuasori fissi, terrapieni e posa di alberi per impedire l’accesso alle "carovane" dei rom (con 1.517 allontanamenti di camper e roulotte) e alcune operazioni di abbattimento di costruzioni abusive che erano sorte all’interno dei 12 campi cittadini autorizzati.”

— > Cavalcavia Bacula; 10 rom romeni vengono sgomberati da un’area di proprietà delle Ferrovie dello Stato dalla Polizia Locale. Le 5 baracche in cui abitavano vengono distrutte.

21 Gennaio:

— > Via Adriano; 23 rom romeni tra cui 10 minori vengono sgomberati da una scuola abbandonata. Dei dieci bambini presenti, i sette in età scolare frequentavano presso le scuole di Via Pini e via Cisalpino a Milano. Queste persone provenivano da Via Rubattino e dagli sgomberi che sono seguiti.

— > Nelle dichiarazioni pubbliche del Vice Sindaco Riccardo De Corato lo stesso sostiene che le donne sgomberate non abbiano accettato le proposte di accoglienza presso strutture pubbliche (comunità mamma-bambino), ma al momento dello sgombero nessun rappresentante dei servizi sociali era presente.

— > 22 Gennaio:

Via Transimeno; i rom romeni sgomberati da Via Adriano il 21 gennaio 2011 vengono sgomberati nuovamente.

23 Gennaio:

— > Via Caduti di Marcinelle; i rom romeni sgomberati da Via Adriano e Via Transimeno vengono nuovamente sgomberati.

24 Gennaio:

— > Via Vigevanese, Città di Corsico; 20 rom bulgari vengono sgomberati dalla Polizia Locale e dai Carabinieri.

— > Via Vigevanese, Città di Corsico; 4 rom romeni vengono sgomberati. Secondo le dichiarazioni dei rappresentanti del Comune di Corsico i rom non avrebbero rispettato l’ingiunzione di sgombero notificata 4 giorni prima. La polizia ha demolito 12 baracche e una roulotte.

26 Gennaio:

— > Via Pestegalli; 20 sinti slavi (secondo le dichiarazioni rilasciate dai rappresentati del Comune) vengono allontanati con i 4 camper in cui abitavano.

De Corato dichiara “Dal 2007, 405 sgomberi”

— > Via Paravia; 7 rom romeni e un cittadino di origini magrebine vengono sgomberati dalle forze dll’ordine. Gli adulti vengono denunciati per occupazione abusiva della cascina abbandonata in cui abitavano.

— > Via Vittorini; 30 rom romeni vengono sgomberati da 8 agenti delle forze dell’ordine. Nello sgombero vengono distrutte 10 baracche e 2 tende

— > Città di Vimodrone (periferia di Milano); 20 rom romeni provenienti dagli sgomberi effettuati in Via Rubattino e in Segrate vengono nuovamente sgomberati. Abitavano all’interno di una palazzo abbandonato.

27 Gennaio:

— > Via Ripamonti (confine tra Opera e Milano); 20 rom romeni tra i quali 10 bambini vengono sgomberati, 4 baracche distrutte e 2 uomini denunciati. Al momento dello sgombero non erano presenti i Servizi Sociali e non è stata proposta nessuna alternativa.

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter