Nella stessa rubrica

Italia-Tunisia. Accordi tra repressione e falsità (di Monica Scafati, febbraio 2018)

In alto mare, testimonianze da un naufragio. Tunisia 8/9 ottobre 2017 (a cura di Monica Scafati, dicembre 2017)

A volte tornano. Un uomo tunisino sopravvissuto al sequestro libico (video, Italia-Tunisia-Libia, novembre 2017) (Imed Soltani, Monica Scafati)

"Il mio nome è Khalid, vengo dalla Siria. (...)" (video, Italia, Lampedusa, dicembre 2013)

"Sorry for not drowning". The 11th October shipwreck in the Mediterranean Sea (video, october 2013)

Syrians blocked in Calais (video, November 2013)

"Siamo i siriani del naufragio avvenuto l’11 ottobre 2013...." (video, Italia, novembre 2013)

Roma: funerale per il naufragio del 3 ottobre (Italia, ottobre 2013)

Superstiti e bare: il tradimento dell’Europa (video, Enrico Montalbano ottobre 2013)

Marocco/Spagna: tentativo di superare la frontiera (settembre 2013)

“TODOS SOMOS ARIZONA” (Usa, 1 maggio 2010)

1° MAGGIO 2010 - “TODOS SOMOS ARIZONA”

La nuova legge sull’Immigrazione dello stato dell’Arizona, approvata dal Senato lo scorso 13 aprile, legittimerà gli agenti di polizia a fermare qualsiasi individuo sospetto di non possedere i documenti in regola. Le persone, dunque, verranno fermate sulla base della percezione individuale di ogni singolo poliziotto.

Numerose sono state le proteste da parte di differenti parti politiche e di associazioni di migranti rispetto alla natura incostituzionale delle legge, in quanto generatrice di discriminazione. Ricordiamo le accuse di Mariana Pfaelzer, giudice della California, i tentativi di boicottaggio di esponenti politici come il sindaco e il consiglio comunale di San Francisco, le proteste di piazza del 27 aprile in Illinois al grido di “Illinois, not Arizona” e nella città del Midwest di San Paul nelle giornate del 29 e del 30 aprile. Infine è giunta la critica diretta del Presidente messicano Calderon, in visita ufficiale negli Stati uniti lo scorso 20 maggio.
L’ultimo segnale giunge ancora una volta dagli Stati Uniti, ma questa volta da parte delle comunità di latinos del Paese. Il Primo maggio città statunitensi tra le quali Chicago, Pheonix, New York e Washington hanno accolto numerosi cortei e concerti mostrando lo slogan di “Todos somos Arizona”, ricordando, per l’enorme adesione, le manifestazioni del 2006 che all’epoca si opponevano alla Legge Migratoria H.R.4437. La manifestazione più importante è avvenuta nella capitale, culminando con un presidio di fronte alla Casa Bianca.
Le richieste che i migrantes latinos fanno al Presidente Obama sono il mantenimento della sua promessa in campagna elettorale rispetto al blocco delle deportazioni e delle retate di massa e alla proposta di una nuova legge in materia di immigrazione. Dall’approvazione della legge, in Arizona inizia a serpeggiare il terrore tra i sans papiers, costringendo molti di essi a non uscir di casa per paura dei controlli previsti.
Al 29 maggio risale un’analoga manifestazione organizzata a Phoenix alla quale hanno partecipato 200 mila persone.

Pubblichiamo qui alcuni video delle manifestazioni

(Sara Chiodaroli, 7 giugno 2010)

http://www.mexicomigrante.com/wp-co...

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter

I video di Ursula Biemann (Federica Sossi, gennaio 2008)