Nella stessa rubrica

Cronologia. Dicembre 2009

Cronologia. Novembre 2009

Cronologia. Ottobre 2009

Cronologia. Settembre 2009

Cronologia. Agosto 2009

Cronologia. Luglio 2009

Cronologia. Giugno 2009

Cronologia. Maggio 2009

Cronologia. Aprile 2009

Cronologia. Marzo 2009

Cronologia. Luglio 2009

Luglio 2009:

La cronologia del mese di luglio 2009, a differenza delle altre, realizzate dalla redazione di storiemigranti, è tratta dal sito di Migreurop con un’aggiunta, nella parte finale, realizzata dalla nostra redazione.

JUILLET 2009 - synthèse de la liste de diffusion de Migreurop
| 2. september 2009 |
Liens vers articles de presse : camps, externalisation, politiques européennes...
Synthèse de la liste de diffusion Migreurop - juillet 2009 Synthesis of the Migreurop’s diffusion list- July 2009 Sintesi della lista di diffusione di Migreurop - Luglio 2009
Camps / camps / campi
1 / 07
[FR]La Grèce entre en guerre La Grèce se mobilise contre l’immigration clandestine. Pour la première fois, une réunion sur ce sujet brûlant a eu lieu entre les cinq partis politiques importants du pays. Il s’agissait d’informer l’ensemble de la classe politique du transfert des clandestins, établis dans les grandes villes comme Patras, Thessalonique et Athènes, vers des centres de rétention, anciens camps de l’armée.
[EN]Greece declares war For the first time ever, a meeting gathering the five most important political parties of Greece was held on the topic of illegal migration. The aim was to inform the political class of the transfers of illegals established in big cities like Patras, Thessalonique or Athens to former army camps.
[IT] La Grecia entra in guerra Per la prima volta, i cinque principali partiti politici della Grecia si sono riuniti per discutere del problema dell’immigrazione. Il governo voleva informare la classe politica dei trasferimenti di clandestini, stabiliti in grandi città come Patras, Thessalonique o Athenea, verso centri di identificazione e d’espulsione.
Source : Le figaro Lien : http://www.lefigaro.fr/internationa...

01/07
[FR] Belgique: enfermement = enfer Article paru suite à la publication du rapport du CIRE en juin (voir liste de diffusion de Migreurop en juin).
[EN] Belgium : detention = hell The article was published following the issue of the CIRE report in june (for more information see the Migreurop’s diffusion list of June)
[IT] Belgio : ritenzione = inferno L’articolo è stato scritto gazie all’uscita del rapporto del CIRE in giugno (per questo rapporto, si veda la lista di diffusione di Migreurop di giugno)
Source : La Libre Lien :http://www.lalibre.be/actu/belgique... http://www.lalibre.be/actu/belgique... http://www.lalibre.be/actu/belgique... http://www.lalibre.be/actu/belgique...
02/07
[FR] Rapport du Comité contre la torture du Conseil de l’Europe « De manière générale, le CPT estime que, au regard de ses rapports précédents très critiques, notamment son rapport faisant suite à sa visite de février 2007, les personnes arrêtées ou détenues en Grèce continuent de courir un risque considérable d’être maltraitées. Le CPT rappelle plus particulièrement que "/les conditions de détention de la grande majorité des migrants en situation irrégulière privés de leur liberté demeurent inacceptables/". »

[EN] Report of the Committee against torture of the Council of Europe

[IT] Rapporto dal Comitato contro la tortura del Consiglio d’Europa

Source : Conseil de l’Europe Lien : http://www.cpt.coe.int/documents/gr... (English)

Mobilisation / mobilization / attivismo

01/07

[FR]Solidarité avec la lutte des réfugiés au Maroc Communiqué de presse de Migreurop revenant sur le sit-in des réfugiés du Maroc devant les bureaux du HCR et exprimant sa solidarité avec ce combat pour des conditions de vie dignes et condamnant les violences dont ils ont été victimes.

[EN] Solidarity with the struggle of refugees in Morocco Migreurop’s press release relative to the sit-in of refugees in Morocco in front of the Office of the UNHCR in Rabat. Migreurop is in solidarity with this struggle to obtain decent living conditions and condemns the violence committed against the demonstrators.

[IT] Solidariteà con la lotta dei rifugiati in Marocco Communicato stampa di Migreurop a proposito del sit-in dei rifugiati in Marocco che esprima la nostra solidarità con la loro lotta per condizioni di vita degne e condanna le violenze di cui sono stati vittime.

Source : Migreurop Lien : http://www.migreurop.org/article146...

01/07

[FR]Plainte contre le refoulement de migrants en Libye Un groupe d’ONG italiennes et étrangères a envoyé une plainte à la Commission Européenne, au Conseil de l’Europe et au Comité des Droits de l’Homme de l’ONU sur les graves violations des normes nationales, communautaires et internationales faites dans le cadre des procédures de refoulement de migrants en Libye.

[EN]Complaint relative to the push back of migrants to Libya Italian and foreigner NGOs have register a complaint beside the European Commission, the Council of Europe and the UN Human Rights Committee relative to the gross violations of national, European and international rules during the Italian push back of migrants to Libya.

[IT] Denuncia dei respingimenti verso la Libia Un gruppo di ONG italiane e straniere ha sporto denuncia contro i respingimenti italiani verso la Libia presso la Commissione europea, il Consilio d’Europa e il Comitato dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

Source : Migreurop Lien : http://www.migreurop.org/article145... (français) http://www.migreurop.org/article145... (italiano)

03/07 + 04/07

[FR] Situation actuelle des réfugiés marocains Selon une dépêche AFP, 5 réfugiés subsahariens arrêtés devant la représentation du Haut commissariat aux réfugiés (HCR) à Rabat vont être poursuivis pour "séjour illégal au Maroc et violences contre les forces de l’ordre", a-t-on appris samedi de source judiciaire.

[EN] Actual situation of the refugees in Rabat According to an AFP article, 5 sub-Saharan refugees arrested in front of the UNHCR office are charged of « illegal residence » in Morocco and « violence against policemen ».

[IT] Situazione attuale dei rifugiati in Rabat Secondo l’AFP, 5 rifugiati sarebbe stati arrestati e accusati di soggiorno irregolare in Marocco e violenze sulle forze di polizia.

Sources : BBC news, Libe, AFP Lien : http://news.bbc.co.uk/2/hi/africa/7... http://news.bbc.co.uk/2/hi/africa/7... http://www.libe.ma/Les-refugies-dem... (images)

Politiques européennes en matière de migration / European policy on migration / Politica europea in materia d’immigrazione

01/07 [FR]OCDE: Il faut garder la porte ouverte aux travailleurs immigrés pour répondre aux besoins de main-d’œuvre à long terme Le phénomène du vieillissement démographique dans les pays de l’OCDE ne va pas disparaître. « L’immigration n’est pas un robinet qui peut s’ouvrir et se fermer à volonté « , a déclaré M. Gurréa, en ajoutant : « Il faut mettre en place des politiques réactives, équitables et efficaces en matière de migration et d’intégration - des politiques qui « marchent » et qui s’adaptent aussi bien à une conjoncture bonne que mauvaise. Cela implique aussi de mettre en place des politiques permettant aux pays de départ comme aux pays d’accueil de se partager les bénéfices des migrations. Cela implique la mise en place de politiques de recrutement responsables pour éviter les risques de fuite des cerveaux » a ajouté M. Gurréa.

[EN] OECD: The door must remain open to economic migrants in order to face workforce needs in long-range “This vulnerability is partly due to the fact that migrant workers are overrepresented in economic sectors that have benefited from the previous long growth period, and are now particularly hard hit by the crisis such as construction, hotels and restaurants, etc. But immigrants, in particular the most recent arrivals, are also more often employed in less secure and low-skilled jobs which are among the first to disappear during a downturn.”

[IT] OCSE : Bisogna lasciare la porta aperta ai lavoratori immigrati Il fenomeno dell’invecchiamento demografico nei paesi dell’OCSE non va a sparire. " L’immigrazione non è un rubinetto che può aprirsi e chiudersi a volontà " , ha dichiarato M. Gurréa, aggiungendo,: " Bisogna mettere in opera dei politici reattivi, equi ed efficaci in materia di migrazione e di integrazione - dei politici che " camminano" e che si adattano tanto bene ad una congiuntura buona che cattiva.”

Source : OCDE - OECD et Slate.fr Lien : http://www.oecd.org/document/4/0,33... (français) http://www.oecd.org/document/18/0,3... (français) http://www.oecd.org/document/63/0,3...> (English) http://www.slate.fr/story/8007/immi...

01/07 [FR]Mayotte, 101e département de la République, zone de non droit pour les migrants La « patrie des droits de l’homme » comporte encore sur son territoire des zones de non droit à un point tel que la responsabilité administrative et pénale du ministre de l’Immigration, Eric Besson, et de l’administration préfectorale, est susceptible d’être engagée, expliquent Emmanuel Daoud, avocat, et Marlène Joubier, juriste, dans la tribune qu’ils nous ont fait parvenir.

[EN]Mayotte, lawless zone for the rights of migrants The administrative and penal responsibility of the Minister Eric Besson could be engaged because of the non-respect of migrant’s rights in Mayotte.

[IT] Mayotte, zona senza diritti La " patria dei diritti dell’uomo" comporta ancora sul suo territorio delle zone di non diritto ad un punto tale che la responsabilità amministrativa e penale del ministro dell’immigrazione, Eric Besson, e dell’amministrazione prefettizia, è suscettibile di essere impegnata, spiegano Emanuele Daoud, avvocato, e Marlène Joubier, giurista, nella loro tribuna.

Source : Médiapart Lien : http://www.mediapart.fr/club/editio...

02/07

[FR] Le décret législatif de la honte devient loi en Italie La nouvelle loi prévoit, entre autres aberrantes décisions en matière d’immigration, le prolongement de la durée de rétention dans les CIE à 6 mois, le délit de clandestinité avec une amende entre 5000 et 10 000 euro ou l’expulsion directe (bien que même la magistrature se soit élevée contre cette décision), le paiement de taxes pour tout renouvellement du titre de séjour, institution de « rondes citoyennes » et pénalités pour qui loue un logement des sans papiers.

[EN] A new Italian act on immigration Content of this new act: the detention can last until 6 months, the crime of illegal residence can be punished of 5000-10000€ or of immediate expulsion, taxes for all renew of a stay permit...

[IT] Il pacchetto sicurezza è legge Il pacchetto sicurezza è legge. Il Senato ha dato il via libera definitivo infatti al disegno di legge che contiene tra le altre cose l’introduzione del reato di immigrazione clandestina e la possibilità di organizzare le ronde in città

Source : Corriere della sera, la repubblica Lien :
http://www.corriere.it/politica/09_... http://www.repubblica.it/2009/06/se... http://www.stranieriinitalia.it/nor... (le texte approuvé)

06/07

[FR] Les ministres de l’Immigration français et britannique ont conclu ce lundi un arrangement administratif sur la lutte contre l’immigration clandestine.

[EN] French and Britain Ministers conclude an administrative agreement relative to fight against illegal immigration.

[IT] I ministri franceso e britannico dell’immigrazione hanno firmato un accordo amministrativo in materia di lotta contro l’immigrazione clandestina.

Source : Metro France Lien : http://www.metrofrance.com/infos/lu... http://www.metrofrance.com/search/i...

09/07

[FR]Coulez des navires de clandestins ! Nick Griffin, chef du parti d’extrême droite britannique BNP et député européen, a déclaré mercredi que l’UE, pour décourager l’immigration clandestine, devrait couler quelques navires de clandestins et renvoyer leurs occupants vers la Libye sur des radeaux.

[EN]Sink boats of migrants! “Boats carrying illegal migrants to Europe should be sunk Nick Griffin, the leader of the British National party, said yesterday.”

[IT] Affondate le navi dei migranti ! Nick Griffi, capo del partito inglese di estrema destra BNP e deputato europeo, ha dichiarato mercoledi che l’EU, per scoraggiare l’immigrazione clandestina, dovrebbe affondare le navi dei migranti e rinviare i migranti verso la Libia su una zattera

Source : Marine Marchande et the Guardian Liens : http://www.marine-marchande.com/v2/... ; http://www.guardian.co.uk/politics/...

10/07

[FR]Programme de la Présidence suédoise du Conseil de l’UE

[EN] Programme of the Swedish Presidency of the EU Council

[IT] Il programma della Presidenza svedese del Consiglio dell’UE.

Source : Site de la Présidence suédoise et Euractiv Lien :
http://www.sweden.gov.se/content/1/... http://www.euractiv.com/en/opinion/...

12/07

[FR]La bombe grecque de l’immigration Avec ses milliers d’îles et ses 16 000 kilomètres de frontières, la Grèce attire chaque année un flot croissant de clandestins. Débordée par l’ampleur du phénomène, Athènes appelle à l’aide l’Union européenne.

[EN] Greek bomb of immigration Thousands of islands, a border long of 16000 kilometers, Greece faces with difficulties an influx of illegal migrants and calls on EU to help.

[IT] La bomba grecia dell’immigrazione La Grecia non riesce più a contrastare l’afflusso di migranti e chiede aiuto all’Unione europea.

Source : l’Express Lien : http://www.lexpress.fr/actualite/mo...

12/07

[FR] Grèce: Patras rasé Des bulldozers ont été envoyés sur place escortés par la police anti-émeute. Selon le coordinateur de Médecins sans Frontières sur place, une centaine d’immigrés en majorité des afghans ont été interpellés au moment de l’opération policière. Ils étaient 1500 personnes durant l’hiver. Ce campement existait depuis 12 ans.

[EN]Greece: Patras camp demolished “About 100 riot police escorted bulldozers into the camp before dawn. They levelled scores of cardboard and plastic hovels. Only a makeshift mosque and a tent used by volunteer doctors were left untouched. The camp in Patras had been in existence in some form or another for 13 years.”

[IT] Grecia : Patrasso distrutto Il campo di Patrasso è stato distrutto e una centinaia di migranti, principalmente afgani, sono stati arrestati durante l’operazione. Il campo esisteva da 12 anni.

Source : euronews, l’express, BBC news Lien : http://fr.euronews.net/2009/07/12/u... http://www.lexpress.fr/diaporama/di... (reportage pphoto) http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/eu...

13/07

[FR] UE: Barrot-point d’accueil asile Libye-Turquie/ Toujours sur l’Europe de l’asile, Jacques Barrot a estimé qu’"il faut des possibilités pour les demandeurs d’asile d’ouvrir des points d’accueil en Libye et en Turquie. Il faut distinguer les migrants économiques, les migrants environnementaux -il y en aura de plus en plus- et les migrants martyrisés".

[EN] EU: Barrot-asylum information desk-Turkey and Libya Barrot feels necessary to open an asylum information desk in Libya.

[IT] EU : Barrot - luoghi d’accoglienza per richiedenti asilo in Libia e Turchia Jacques Barrot ritiene che sia necessario aprire luoghi di accoglienza per i richiedenti asilo direttamente in Libia e in Turchia.

Source : Europe1 Lien : http://www.europe1.fr/Info/Actualit...)/233329

13/07

[FR]Immigration clandestine: Espagne et Grèce pour un renforcement de Frontex Le chef du gouvernement espagnol, José Luis Rodriguez Zapatero, et le Premier ministre grec, Costas Caramanlis, ont souhaité lundi un renforcement de l’agence européenne de surveillance des frontières, Frontex, pour lutter contre l’immigration clandestine. Ils ont aussi plaidé en faveur d’une plus grande coopération de l’Union européenne avec les pays d’origine ou de transit de l’immigration pour faciliter les rapatriements de clandestins.

[EN] Illegal migration: Spain and Greece in favor of beefing-up Frontex Spanish and Greek Prime Ministers want to beef up the European agency Frontex in order to fight illegal migration and to strengthen the cooperation of the EU with transit and origin countries in order to facilitate the repatriation of illegal migrants.

[IT] La Spagna e la Grecia a favore di rinforzare Frontex Il capo del governo spagnolo, José Luis Rodriguez Zapatero, ed il Primo ministro greco, Costas Caramanlis, si sono dichiarati lunedì a favore di un rinforzo dell’agenzia europea di sorveglianza delle frontiere, Frontex, per lottare contro l’immigrazione clandestina. Hanno sostenuto anche una più grande cooperazione dell’unione europea coi paesi di origine o di transito dell’immigrazione per facilitare i rimpatri dei migranti

Source : Romandie Lien : http://www.romandie.com/ats/news/09...

13/07

[FR] La Roumanie, nouvelle terre d’immigration Un aperçu de la transformation de la Roumanie en terre d’immigration par le regard des migrants [EN] Romania, new immigration country A glimpse at Romania as a new country of immigration.

[IT] La Romania, nuova terra d’immigrazione Uno sguardo alle trasformazioni della Romania in un paese d’immigrazione

Source : Le Monde Lien :http://www.lemonde.fr/europe/articl...

13/07

[FR] L’Espagne veut promouvoir les réadmissions des migrants Le premier ministre espagnol, José Luis Rodríguez Zapatero, a annoncé que l’un des objectifs de la présidence espagnole de l’Union européenne (UE) en 2010 sera de promouvoir les accords sur la réadmission des immigrants illégaux au niveau européen et entre les pays d’origine et de transit des migrants.

[EN] Spain wants to promote readmission of migrants Prime Minister Zapatero announced that one of the objective of the Spanish Presidency of the EU in 2010 will be the promotion of the readmission of illegal migrants at the European level and between origin and transit countries.

[IT] La Spagna sostiene gli accordi di riadmissione Il Primo, José Luis Zapatero, ha dichiarato che uno degli obiettivi della futura presidenza spagnola dell’UE in 2010 sarà la promozione degli accordi di riadmissione al livello europeo con paesi di transit e paesi di origine.

Source : Yabiladi Lien : http://www.yabiladi.com/article-pol...

14/07

[FR] Réaction du HCR suite au renvoi de demandeurs d’asile d’Italie vers la Libye

[EN] HCR/Reaction to push backs from Italy to Libya

[IT] La reazione dell’ACNUR ai respingimenti italiani verso la Libia

Source : HCR Lien : http://euromed-migrasyl.blogspot.co... http://fr.allafrica.com/stories/200...

14/07

[FR] CIR : les réfugiés refoulés vers la Libye ont été maltraités par les autorités italiennes

[EN] CIR: Refugees rejected to Libya - ill-treatments from the Italian Authorities

[IT] CIR : i rifugiati respinti verso la Libia sono stati sottomessi a trattamenti cattivi da parte delle autorità libiche

Source : CIR Lien : http://euromed-migrasyl.blogspot.co... 14/07

[FR] - [EN] - [IT] Patras

Source : Euromed Lien : http://euromed-migrasyl.blogspot.co... (réaction UNHCR) http://euromed-migrasyl.blogspot.co...

16/07

[FR] Signature d’un accord-cadre de coopération entre la Libye et l’UE « Le secrétaire à la Coopération au comité populaire général libyen des Relations extérieures et de la Coopération internationale, Mohamed Tahar Siala, a affirmé que les négociations entre la Libye et l’Union européenne (UE) pour la conclusion d’un accord-cadre de coopération et de partenariat ont abouti à l’élaboration d’un texte d’accord. Il faudra encore deux sessions supplémentaires de négociations prévues en octobre et décembre prochains pour finaliser l’accord entre les deux parties, a-t-il précisé. »

[EN] EU and Libya to sign a cooperation agreement EU and Libya are currently negotiating an agreement on cooperation and partnership which could be ready by the end of the year.

[IT] L’EU e la Libia vogliono firmare un accordo di cooperazione Mohamed Tahar Siala, Segretario alla cooperazione, ha affermato che i negoziati tra la Libia e l’Unione europea (UE) per la conclusione di un’accordo di cooperazione e di partnership si sono conclusi con l’elaborazione di un testo di accordo. Occorreranno ancora due sessioni supplementari in ottobre e dicembre per finalizzare l’accordo tra le due parti.

Source : African manager Lien : [http://www.africanmanager.com/artic... http://www.africanmanager.com/artic...]

16/07

[FR] La Commission propose un régime de déplacement sans obligation de visa pour les citoyens des pays des Balkans occidentaux « L’engagement, pris de longue date par la Commission européenne, d’instaurer un régime de déplacement sans obligation de visa pour les citoyens des pays des Balkans occidentaux a été confirmé aujourd’hui par l’adoption d’une proposition visant à accorder un tel régime aux ressortissants de l’ancienne République yougoslave de Macédoine, du Monténégro et de la Serbie. »

[EN] Commission proposes visa free travel for citizens from the Western Balkans “The European Commission’s long standing commitment to visa free travel for the people of the Western Balkans was confirmed today with the adoption of a proposal for granting visa free travel to the citizens of the former Yugoslav Republic of Macedonia, Montenegro and Serbia.”

[IT] La Commissione propone l’abolizione del visto per i cittadini dei Balcani occidentali La Commissione europea, da tempo attiva sul fronte dell’abolizione del visto per i cittadini dei Balcani occidentali, ha confermato oggi tale impegno adottando una proposta che concede l’esenzione dal visto ai cittadini dell’Ex Repubblica iugoslava di Macedonia, del Montenegro e della Serbia

Source : Europa Lien
:http://europa.eu/rapid/pressRelease... (français)
http://europa.eu/rapid/pressRelease... (English)

17/07

[FR] Face à un éventuel "crash démographique", l’immigration est nécessaire, par Jacques Barrot

[EN] Article written by Jacques Barrot

[IT] Articolo di Jacques Barrot

Source : Le Monde Lien : http://www.lemonde.fr/opinions/arti...

17/07 [FR] Immigration : cinq propositions pour sortir du statu quo, par Nebahat Albayrak et Carmelo Mifsud Bonnici (Ministres maltais et hollandais)

[EN] Immigration: 5 propositions to end the statu quo by Nebahat Albayrak and Carmelo Mifsud Bonnici (Ministers in Malta and the Netherlands) "1/ The EU has to invest in borders control east and south sides. Improvement of Frontex" "2/ Define liability of member states which participate to Frontex activities" "3/ EU external borders: need of quick, efficient and reliable asylum procedure" "4/ Deportation for rejected asylum seekers has to be organized. Use of Readmission agreement should be enlarge, especially in empowering European commission power. "5/ Countries of origin have to be supported in borders control, asylum seek procedure and illegal migration."

[IT] I ministri maltese e olandese fanno 5 proposte per identificare una soluzione all’immigrazione

Source : Le Monde Lien : http://www.lemonde.fr/opinions/arti...

18/07

[FR] Vers une politique européenne contre l’immigration clandestine « Un sommet pour tenter de trouver une issue au problème de l’immigration clandestine en Europe : les ministres de l’Intérieur des 27 se sont réunis à Stockholm ce jeudi. La solidarité, une revendication pour les Etats méditerranéens. Alors que plus de 67000 personnes ont traversé la Méditerranée pour rejoindre l’Europe l’an dernier. L’Italie, la Grèce, Chypre et Malte sont particulièrement exposés à l’immigration clandestine. Ils demandent aux 27 d’accueillir plus de réfugiés pour les soulager de cette pression. »

[EN] Toward a European policy against illegal migration “EU interior ministers gathered in Stockholm to discuss the thorny issue of illegal immigration. Most agreed that something has to done, but what is yet to be thrashed out.”

[IT] Verso una politica europea sull’immigrazione clandestina. Diritto di asilo e cooperazione Cooperazione e solidarietà tra i Paesi dell’Unione Europea per far fronte al problema dell’immigrazione clandestina. Questa é la linea emersa dal summit di Stoccolma tra i ministri degli interni europei. Non solo potenziare l’attività di sorveglianza nel Mediterraneo ma anche avviare accordi di rimpatrio con i paesi di provenienza degli immigrati.

Source : euronews Lien : http://fr.euronews.net/2009/07/17/v... (français) http://www.euronews.net/2009/07/17/... (English) http://it.euronews.net/2009/07/17/v... (italiano)

20/07

[FR]Composition des commissions du PE

[EN] Formation of the EP Commissions

[IT] Composizione delle commissioni del Parlamento europeo

Développement - Development - Sviluppo http://www.europarl.europa.eu/membe... Affaires juridiques - Legal Affairs - Affari giuridici
http://www.europarl.europa.eu/membe... Libertés civiles, justice et affaires intérieures - Civil Liberties, Justice and Home Affairs - Libertà civili, giustizia e affari interni
http://www.europarl.europa.eu/membe... Affaires constitutionnelles - Constitutionnal Affairs - Affari costituzionali
http://www.europarl.europa.eu/membe... Droits de l’Homme - Human Rights - Diritti umani
http://www.europarl.europa.eu/membe...

20/07

[FR] L’UE engage une partie difficile avec la Turquie et la Libye« Les Européens vont engager une partie politique difficile avec la Turquie et la Libye pour éliminer les filières d’immigration clandestine actives dans ces deux pays. Mais certaines contreparties exigées par Tripoli sont qualifiées « d’impossibles ». Le commissaire européen charge de la Justice, de la Sécurité et des Libertés, Jacques Barrot, prépare des visites dans ces deux pays. »

[EN] The EU opens a difficult match with Turkey and Libya Europeans want to eliminate illegal migration rings in these two countries but the counterpart asked by Libya is judged “impossible”. Barrot will visit both countries soon.

[IT] l’UE inizia una partita difficile con la Turchia e la Libia L’UE va ad iniziare una partita difficile con la Turchia e la Libia per eliminare le filiere di immigrazione clandestina attive in questi due paesi. Ma certe contropartite esatte da Tripoli sono qualificate " di impossibili." Il commissario europeo incarica della Giustizia, della Sicurezza e delle Libertà, Jacques Barrot, prepara delle visite in questi due paesi. "

Source : 20 minutes Lien : http://www.20min.ch/ro/news/monde/s...

20/07

[FR] Les doutes de la UE sur le refoulement en Libye La Commission européenne a envoyé une lettre demandant des éclaircissements sur les refoulements en Libye et en enverra bientôt une autre au sujet du décret législatif « sécurité » adopté début juillet

[EN] the EU doubts on push backs to Libya The European Commission has sent a letter asking for details on the push backs to Libya and will send another one relative to the law passed beginning of July to the Italian government.

[IT] I dubbi dell’UE rispetto ai respingimenti in Libia La Commissione europea ha inviato una lettera al Governo Italiano nella quale chiede chiarimenti sugli ultimi rimpatri..

Source : La Repubblica Lien :http://www.repubblica.it/2009/07/se...

Expulsions / expulsions / espulsioni

01/07

[FR] 89 migrants renvoyés en Libye hier

[EN] 89 migrants pushed back to Libya yesterday

[IT] 89 migranti respinti verso la Libia ieri

Source : Fortress Europe Lien : http://fortresseurope.blogspot.com/...

03/07

[FR]L’imagination au service de la politique du chiffre Communiqué de presse de l’Anafé. « Depuis une note de la direction centrale de la police aux frontières du 25 mai 2009, les personnes qui résident en France avec un document de séjour de courte durée et qui ont le tort de quitter le territoire pour quelques jours se voient systématiquement refuser tout retour. Ils n’ont jamais été avertis de ce changement de pratiques. »

[EN] Illegal practices in France help to reach quotas Press release of Anafé. Since May 25th, people living in France with a short duration permit and travelling abroad cannot enter the country without a visa. The authorities did not inform the foreigners.

[IT] Communicato stampa dell’Anafé Fin dal 25 di maggio, le persone che vivono in Francia con un permesso di soggiorno di durata corta e che viaggiano all’estero non possono più rientrare il paese senza un visto. Le autorità non hanno informato gli stranieri...

Source : Anafé Lien : http://www.anafe.org/doc/communique...

22/07

[FR]Un immigré clandestin expulsé comme un mouton"

[EN] Video of an expulsion in Spain

[IT] Video di una espulsione in Spagna

Source : France 24 Lien : http://observers.france24.com/fr/co...

Pays tiers / Third countries / paesi terzi

07/07

[FR] Publication d’articles sur l’Algérie et la Tunisie

[EN] Several articles on Algeria and Tunisia

[IT] Alcuni articoli sull’Algeria e la Tunisia

Source : Algeria Watch Lien : 11 brigades d’investigation créées par la Police des frontières http://euromed-migrasyl.blogspot.co... 89 migrants clandestins renvoyés en Libye http://euromed-migrasyl.blogspot.co... Onze camps secrets d’enfermement de harraga en Tunisie http://euromed-migrasyl.blogspot.co...

11/07

[FR] Plusieurs articles sur l’Amérique centrale 1) Renouvellement des accords "pour une reconduite digne" entre le Mexique, le Salvador, le Guatemala et le Nicaragua. 2) le délégué chiapanèque de l’INM déclare ne pas avoir reçu d’ordre de fermer les portes du Mexique aux Honduriens (comme si avant elles avaient été ouvertes!) 3) Le Stant US en faveur du licenciement des travailleurs sans papiers (ou avec des "vrais faux" numéros de sécurité sociale); 4) Les habitants de Tultitlan (Etat de Mexico, proche de la capitale) s’organisent pour porter assistance aux Centramaricains qui transitent entre deux "trains de la mort" . [EN] Several articles on Central America

[IT] Alcuni articoli sull’America centrale

Liens : (espagnol) http://mx.news.yahoo.com/s/09072009... http://www.oem.com.mx/diariodelsur/... http://www.exonline.com.mx/diario/n... http://www.oem.com.mx/diariodelsur/... http://www.eluniversal.com.mx/notas...

14/07

[FR] En Israël, des rafles en vue de 300 000 expulsions Le 2 juillet, le Haut commissariat des Nations Unies pour les réfugiés (UNHCR) a passé le relais au ministère israélien de l’Intérieur concernant le processus de détermination du statut des réfugiés. Israël, pourtant signataire de la Convention relative au statut des réfugiés de 1951, ne dispose d’aucune loi régissant le statut des réfugiés.

[EN]Crackdown on illegal migrants for deportation of 300,000 Immigration inspectors have launched an operation aimed at deporting nearly 300,000 illegal migrants and visa violators, according to Tziki Sela, head of the enforcement unit at Israel’s new Immigration Authority.

[IT] In Israel, retate per espellere Gli ispettori dell’immigrazione hanno lanciato un’operazione puntata a deportare quasi 300,000 migranti illegali, secondo Tziki Sela, capo dell’unità di rafforzamento della nuova Autorità di Immigrazione.

Source : Irin news Lien : http://www.irinnews.org/Report.aspx... (English) http://www.irinnews.org/fr/PrintRep... (français) http://www.irinnews.org/Report.aspx... (English)

18/07

[FR] Le contrôle de la frontière américano-mexicaine Au fur et à mesure que la frontière terrestre avec le Mexique devient plus difficile à franchir, les migrants entrent aux Etats-Unis par la voie maritime, ce qui les contraint à payer des passeurs qui sont souvent des trafiquants de drogues.

[EN]As Mexico Border Tightens, Smugglers Take to Sea “As the land border with Mexico tightens with new fencing and technology, the authorities are seeing a sharp spike in the number of people and drugs being moved into the United States by sea off the San Diego coast. Law enforcement authorities in the United States said the shift demonstrated the resolve of smugglers to exploit the vastness of the sea, the difficulty in monitoring it, and the desperation of migrants willing to risk crossing it.”

[IT] Il controllo della frontiera tra gli Stati uniti ed il Messico Man mano che la frontiera terrestre col Messico diventa più difficile ad attraversare, i migranti entrano negli Stati Uniti per la via marittima, ciò che li costringe a pagare dei passatori che sono spesso dei trafficanti di droghe.

Source : NY Times Lien : http://www.nytimes.com/2009/07/18/u...

18/07

[FR] Témoignages d’Erythréens en Libye : travail forcé et torture

[EN] Forced labour and tortures for Eritreans repatriated from Libya Three witnesses speak out. Caught by the Libyan police on the route to Lampedusa, they were repatriated in 2004 on a flight paied by Italy. And the same could happen to the Eritreans deported from Italy to Libya in these days.

[IT] Testimoni di Eritreani in Libia : lavoro forzato e tortura

Source : Fortress Europe Lien : http://fortresseurope.blogspot.com

Autre / other / altro

01/07

[FR]Une étude établit les méfaits du profilage ethnique en Europe - Polices allemande, belge, hongroise, française, toutes sont dénoncées par une étude de l’Open Society Institute pour pratiquer du "profilage ethnique", plus couramment appelé "chasse au faciès". "Il n’existe aucune preuve que le profilage ethnique puisse prévenir les actes criminels ou les actes de terrorisme" note l’étude

[EN] Ethnic Profiling in the European Union: Pervasive, Ineffective, and Discriminatory Pervasive use of ethnic and religious stereotypes by law enforcement across Europe is harming efforts to combat crime and terrorism, according to this report released by the Open Society Justice Initiative. Ethnic profiling occurs most often in police decisions about who to stop, question, search, and, at times, arrest. Yet there is no evidence that ethnic profiling actually prevents terrorism or lowers crime rates.

[IT] Une studio stabilisce le malefatte del profilage etnico in Europa Polizie tedesca, belga, ungherese, francese, tutte sono denunciate da uno studio dell’Open Society Institute per praticare il "profilagio etnico", più correntemente chiamato "caccia alla faccia". "Non esiste nessuna prova che il profilagio etnico possa prevenire gli atti criminali o gli atti di terrorismo" nota lo studio

Liens : http://www.cafepedagogique.net/lexp... http://www.soros.org/initiatives/os... (français)
http://www.soros.org/initiatives/os...

02/07

[FR] « Le peuple des clandestins » : une circulation sans pouvoir... Interview de l’auteur Smaïn Laacher

[EN] The illegal people: a free movement without power Interview of the author Smaïn Laacher

[IT] Il popolo dei clandestini : una circolazione senza potere... Intervista del autore Smaïn Laacher

Source : Oulala.net Lien : http://www.oulala.net/Portail/spip....

02/07

[FR] Rapport frontières assassines de l’Europe - le programme de la présentation à Cecina

[EN] Report The murder at borders of Europe - programme of the Cecina presentation

[IT] Programma di lavoro di Cecina - rapporto sulle frontiere assassine d’Europa

Source : Migreurop Liens : http://www.migreurop.org/article145... (français)
http://www.migreurop.org/article145... (italiano) http://www.migreurop.org/article145... (English)

07/07

[FR] 459 morts dans les premiers six mois du 2009 Newsletter de Fortress Europe [EN] 459 Dead in the first 6 months 2009 Newsletter of Fortress Europe

[IT] 459 morti durante i 6 primi mesi del 2009 Newsletter di Fortress Europe

Source : Fortress Europe Lien : http://fortresseurope.blogspot.com

09/07

[FR] Nouvelles publications de l’Anafé Bilan des permanences téléphoniques 2008 et rapport sur les visites menées en zone d’attente en 2007 et 2008

[EN] New publications of Anafé Report on visits led in “zone d’attente” in 2007 and 2008 + assesment of the manned line 2008

[IT] Nuova pubblicazione dell’Anafé Rapporto sulle visite in campi di detezione dell’aereoporto di Parigi (2007-2008) e bilancio delle permanenze telefoniche nel 2008.

Source : Anafé Liens : http://www.anafe.org/download/rappo... http://www.anafe.org/download/rappo... 09/07

[FR] Migreurop au Festival d’Avignon Le réseau Migreurop sera représenté au Festival de théâtre d’Avignon du 10 juillet au 22 juillet 2009 à l’installation théâtrale « Le préau d’un seul » de Jean Michel Bruyère / LFKs Marseille. Le projet tourne autour de l’idée de « penser, entendre, ressentir, écouter ou lire la réalité des camps d’internement administratif ».

[EN] Migreurop at the Festival d’Avignon (theater festival) Migreurop will hand out leaflets during a theater play on detention camps.

[IT] Migreurop al festival d’Avignon Migreurop terrà una tavola di informazione durante le rappresentazioni di una opera teatrale sulla ritenzione.

Source : Migreurop Lien : http://www.migreurop.org/article146...

10/07

[FR] Reportage Fortress Europe Niger Spécial Niger. Sur les routes des émigrants dans le Sahara

[EN] Feature on Niger realized by Fortress Europe

[IT] Reportage di Fortress Europe sul Niger

Source : Fortress Europe Lien : http://fortresseurope.blogspot.com

22/07

[FR] 12 ans de prison pour le pêcheur italien qui avait tué un migrant naufragé

[EN] 12 years prison for the Italian fisherman who killed a migrant

[IT] Omicidio volontario al pescatore che ributtò a mare naufrago somalo

Source : Fortress Europe Lien : http://fortresseurope.blogspot.com/... (italiano)

1 luglio: Spagna. Ritrovato il corpo di un’altra vittima del naufragio avvenuto lo scorso 30 giugno nella località gaditana di Barbate. Fino a questo momento sono stati registrati 15 sopravvissuti mentre sale a 9 il bilancio dei morti.

2 luglio: Brasile. Il Presidente brasiliano Lula ha criticato duramente le politiche antimigratorie dei Paesi occidentali, a partire dall’incontro tenutosi con il Primo ministro britannico, Gordon Brown, lo scorso marzo. La crisi economica che ha creato una falla nella stabilità economica del mondo occidentale non dovrebbe ripercuotersi su coloro che non ne fanno parte. Inoltre, Lula ha annunciato l’applicazione di una sanatoria per i migranti non regolari che sono entrati nel territorio brasiliano fino al mese di febbraio di quest’anno, ai quali verrà concesso un permesso di soggiorno temporaneo della durata di due anni. Il Ministero di Giustizia prevede che potranno beneficiare dell’amnistia ben 60 mila stranieri presenti nel Paese. Già nel 1998 il Brasile aveva concesso un’amnistia che permise la regolarizzazione di 39 mila stranieri.

3 luglio: Costa Rica. Nel continente americano si sono registrati negli ultimi mesi episodi di migrazione transatlantica a opera di organizzazioni criminali. Oggi ancora 40 migranti di origine africana sono stati ritrovati sulle spiagge di Manzanillo, a 230 km dalla capitale della Costa Rica, dopo essere stati abbandonati dai trafficanti che li avevano condotti fin lì a bordo di un’imbarcazione che avrebbe dovuto portarli fino in Canada secondo gli accordi stipulati all’inizio del viaggio. Il gruppo di sans papiers aveva iniziato l’odissea con un volo commerciale dal Kenia fino alla città colombiana di Barranquilla.

3 luglio: Spagna. Si apre una nuova rotta tra l’Algeria e la regione spagnola di Murcia per i viaggi dei sans papiers in partenza dalle coste nordafricane. Il controllo serrato dei radar SIVE sulla costa dell’Andalusia occidentale lascia scoperta la zona orientale della costa di Murcia, sulla quale infatti negli ultimi mesi si sono registrati diversi arrivi dall’Algeria occidentale o dal Marocco orientale. Sono 189 i sans papiers giunti sul litorale di Murcia nell’ultimo anno.

7 luglio: Spagna. Si intensificano i viaggi dei sans papiers nel breve tratto dello Stretto di Gibilterra tra Ceuta e Tarifa, aggirando il controllo dei radar dei SIVE situati nelle località di Huelva, Malaga, Granada e Almeria. Questa è una delle rotte più pericolose a cuasa delle forti correnti marine e ha già causato la tragedia dell’ultimo naufragio di Barbate, avvenuto il 29 giugno.

9 luglio: Spagna. I rapporti tra la comunità locale del quartiere di Rentería della città vasca di Guipuzcoa e la comunità marocchina residente nella stessa zona si sta facendo sempre più difficili. Quest’ultima diventa bersaglio di continue lamentele su questioni come la sicurezza urbana e la delinquenza, elevando il livello di xenofobia nei confronti della comunità straniera. Gli abitanti del quartiere stanno intimando i proprietari marocchini di attività commerciali della zona di trasferirsi altrove. La polizia locale vasca, Ertzaintza, rileva che in realtà non esiste affatto un legame tra comunità straniere e la delinquenza, fatta eccezione per qualche episodio isolato.

9 luglio: Usa. L’amministrazione americana darà inizio a una nuova tappa nella risoluzione del problema dei lavoratori stranieri senza permesso di lavoro. Per disincentivare l’immigrazione non legale verranno attuati dei controlli su un certo numero di aziende, 652 selezionate sull’intero territorio, alla ricerca di irregolarità nella contrattazione dei lavoratori, misura varata lo scorso 2008 dalle Autorità Statali per l’Immigrazione. Durante l’amministrazione di George W. Bush questa modalità di controllo sui luoghi di lavoro raggiunse la sua massima espansione destando grande riprovazione tra le associazioni pro-migrazione e tra le comunità migranti.

9 luglio: Spagna, Canarie. I centri adibiti all’accoglienza dei migranti minorenni nelle isole Canarie si stanno trovando a gestire un’emergenza numerica. A fronte dei 250 posti disponibili, al momento stanno ospitando più di mille minori. I meandri della legge sull’immigrazione in materia di minori mostrano contraddizioni: nell’attesa del riconoscimento e dell’identificazione dei minori, spesso non possibili, i tempi di soggiorno nei centri si dilatano creando problemi di organizzazione interna e facendo venir meno la tutela delle condizioni psicofisiche del minore.

9 luglio: Guatemala. Ogni anno migliaia di migranti latinoamericani che tentano di raggiungere gli Stati Uniti sono vittima di estorsioni, violenze e abusi da parte delle organizzazioni criminali che operano in Messico. In un incontro che si è tenuto in questi giorni, XIV Conferenza Regionale sulla Migrazione, Padre Verzelletti, appartenente all’organizzazione episcopale cattolica in Guatemala, ha dichiarato che il traffico di denaro di questi gruppi malavitosi intorno ai migranti in transito si aggira sui 25 milioni di dollari. Particolare attenzione al tema dei rimpatri, per i quali verranno proposte misure di protezione per i soggetti più deboli, donne, anziani e minori.

9 luglio: Ecuador - Italia. Il prossimo autunno si terrà un incontro tra il ministro italiano degli Esteri, Frattini, e il suo omologo ecuadoriano, Falconi, per discutere di un possibile accordo bilaterale in materia di immigrazione, considerando la forte presenza numerica di ecuadoriani in Italia. Il governo del Paese sudamericano ha già espresso disapprovazione per il Pacchetto Sicurezza varato dal governo italiano, in quanto aumenta lo spazio per soluzioni illegali, per l’ampliarsi delle mafie dei trafficanti e amplifica la tensione xenofoba tra la popolazione locale.

10 luglio: Guatemala. Il governo del Guatemala ha annunciato l’apertura delle liste per i rifugiati in fuga dalle Honduras per via della critica situazione politica generata dal golpe contro il Presidente Manuel Zelaya.

10 luglio: Messico. Gli abitanti di un quartiere di Tultitlán, località vicina a Città del Messico, si prestano volontariamente a soccorrere e assistere i migranti provenienti da Sud che giungono nei pressi della ferrovia che corre lungo la città per seguire a piedi i binari che li condurranno a meta certa nella prima città statunitense. Molti di essi giungono in quel punto già in condizioni di disagio fisico; gli abitanti del luogo forniscono loro cibo e acqua e la possibilità di riposare prima di riprendere il viaggio.

11 luglio: Spagna. Il governo spagnolo ha approvato delle strategie di ricollocamento lavorativo per i lavoratori stranieri rimasti disoccupati in seguito alla crisi economica, rendendo più elastiche le disposizioni vigenti fino a oggi. Ora il lavoratore disoccupato avrà comunque diritto al rinnovo del permesso di soggiorno a condizione che abbia maturato almeno 9 mesi di contributi sociali per ogni anno di soggiorno; in caso di disoccupazione di un coniuge di una coppia straniera, non sarà previsto il rimpatrio di quest’ultimo nel caso in cui l’altro coniuge dimostri di poter mantenere l’intero nucleo familiare; normalmente nel primo anno di soggiorno in Spagna il lavoratore straniero può lavorare solo in un settore e in una sola area geografica, ora questi limiti sono stati abbattuti.

13 luglio: Spagna. Ammonta a due il bilancio di morti del naufragio di una patera avvenuto la scorsa notte nelle acque di El Hierro, isola dell’arcipelago canario.

13 luglio: Spagna. L’alto tasso di disoccupazione nel settore agricolo spagnolo metterà a rischio il lavoro dei numerosi temporeros stranieri, lavoratori stagionali, che ogni anno raggiungono le campagne spagnole per le raccolte stagionali. Nella provincia catalana di Lleida, rinomata per la raccolta di frutta, la maggior parte degli imprenditori dichiara di non essere più in grado di assumere ulteriori lavoratori, ma altrove la crisi economica sta già diventando un alibi per ridurre i salari, come sta accadendo nella provincia di Tarragona, tra i braccianti delle campagne, dove si racconta di stipendi da 4,5 euro l’ora, quando fino a qualche mese fa si offrivano paghe da almeno 7 euro orarie.

14 luglio: Caraibi. Un’imbarcazione che trasportava 11 migranti cubani e tre dominicani è stata tratta in salvo dalle autorità dominicane dopo giorni di avaria nel mare dei Caraibi. La barca era diretta a Porto Rico, ma il mal tempo deve aver fatto perdere la rotta all’equipaggio che si trovava in condizioni fisiche critiche per la disidratazione.

14 luglio: Usa-Cuba. Dopo una prima apertura delle trattative tra Cuba e Stati Uniti sancita da alcune dichiarazioni diplomatiche, ieri il governo castrista ha inviato una comunicazione al Dipartimento di Stato Usa nella quale ha informato di accettare le negoziazioni sulla questione migratoria e sull’embargo, iniziando con la riapertura dei servizi postali diretti. Attraverso questo primo passo si prevede un ridimensionamento anche dei flussi migratori verso gli Usa.

14 luglio: Canada-Messico. Considerato il costante aumento di richieste di asilo politico avanzate da cittadini messicani allo stato canadese, il governo nordamericano ha deciso di richiedere d’ora in poi un visto d’ingresso che garantirà un permesso di soggiorno temporaneo. Il provvedimento è diretto a indirizzare i potenziali richiedenti asilo messicani, che spesso secondo il governo canadese non posseggono in origine legittime motivazioni per tale richiesta, sulla strada alternativa dei visti.

14 luglio: Messico. Il deputato messicano Edmundo Ramírez Martínez ha dichiarato l’urgenza di aiutare con misure di assistenza sociale ed economica le famiglie che sopravvivono grazie alle rimesse provenienti dai familiari all’estero, in netto calo per via della crisi. Ha inoltre segnalato con preoccupazione le deportazioni di massa ai danni dei sans papiers che vengono rimpatriati alla frontiera messicana. Settori fondamentali per i lavoratori messicani negli Usa sono l’edilizia e il terziario; già negli ultimi due mesi si è registrato un 20% in meno delle rimesse provenienti dal settore.

16 luglio: USA. Matthew Chandler, portavoce del dipartimento di Sicurezza Interna statunitense, ha affermato lo scorso mercoledì che i casi di violenza domestica possono rientrare nelle linee per la richiesta di asilo negli Stati Uniti. La proposta rappresenterebbe un cambiamento importante rispetto all’amministrazione Bush, quando una donna messicana, in fuga dal marito che le usava violenza in Messico fuggì negli Stati Uniti e fece richiesta di asilo, che le fu però negata da un giudice di San Francisco.

17 luglio: Spagna. Oggi è stato ritrovato il corpo di una vittima del naufragio dello scorso 29 giugno avvenuto nelle acque della località di Barbate (Cadice). Questa mattina un pescatore ha rinvenuto il cadavere della donna al largo di Caños de Meca.

18 luglio: Colombia. Nella giornata di sabato 18 luglio la marina colombiana ha intercettato un’imbarcazione non registrata alla cui guida sono stati sorpresi due cittadini colombiani, successivamente arrestati. Il gruppo di 34 persone di origine eritrea, all’interno del quale figuravano 33 uomini e una donna, era partito dall’Isola Barú vicino a Cartagena de Indias ed è stato intercettato in alto mare a quindici miglia dal Capo di Tiburón. Al momento i migranti a bordo sono stati fermati in attesa di disposizioni dell’ Autorità Locali per l’Immigrazione del porto di Turbo.

18 Luglio: USA. Circa 200 migranti vengono rimpatriati giornalmente dal posto di blocco di Mariposa de Nogales, secondo le dichiarazioni del delegato regionale della Direzione Generale per l’Assistenza ai migranti internazionali, Alfonso Velazco Pérez. Con il clima estivo sono previsti numerosi casi di disidratazione nelle aree desertiche dell’Arizona.

20 luglio: Usa-Messico. Lo scorso mese di marzo negli Usa è entrata in vigore una legge in materia di minori stranieri non accompagnati. Da questo momento chi si trova in questa condizione viene condotto in una struttura in attesa di comprovare la sua identità e la presenza o meno di un parente sul territorio americano. In caso negativo verrà rimpatriato. Ileana Holguín, direttrice dei Servizi per Immigrati e Rifugiati della Diocesi di El Paso, ha sottolineato che prima in questi casi il rimpatrio avveniva in sole 48 ore, un periodo troppo breve per poter verificare la possibilità di un visto per il ricongiungimento familiare.

21 luglio: USA. Le autorità locali californiane hanno trovato un gruppo di nove migranti in una zona isolata del deserto della California. I soccorsi sono stati chiamati dal luogo in cui si trovavano i sans papiers, i quali raccontano di essere stati abbandonati in pieno deserto dai trafficanti, detti coyote. Dopo i controlli di routine, sono stati rimpatriati.

23 luglio: USA. Continua la polemica sulle retate della polizia statunitense nelle abitazioni private dei lavoratori stranieri, in particolare latinoamericani. Dallo studio dei documenti degli arresti a Long Island e nel New Jersey, effettuato dall’Istituto di Giurisprudenza per l’Immigrazione della Facoltà di Legge dell’Università Yeshiva, è emerso che i poliziotti non hanno il diritto di entrare nelle abitazioni perché posseggono disposizioni di ordinanza amministrativa e non giudiziale, violando in questo modo i diritti costituzionali.

25 luglio: Messico. Alcune organizzazioni per i diritti umani che operano in Messico hanno denunciato l’infiltrazione di traffici illegali all’interno delle case di accoglienza per migranti, accusando gli organi di sicurezza pubblica dell’incapacità di tutelare la loro incolumità e i loro diritti. Si richiede maggior impegno nella prevenzione dei sequestri soprattutto nelle zone calde come Nuevo León, Tabasco, Chiapas, Oaxaca, Veracruz, Tlaxcala, Guanajuato, San Luis Potosí, Tamaulipas e Coahuila.

25 luglio: Brasile- Francia. Francia e Brasile creeranno un gruppo di lavoro in materia di immigrazione, secondo quanto annunciato dal ministro francese per l’Immigrazione, Eric Besson, dopo la sua ultima visita in Sud America avvenuta il 23 e 24 luglio. Argomento quanto mai attuale considerando che il Brasile confina per quasi 700 km con la Guayana francese e che negli ultimi tempi, con l’incremento del suo potere economico, ha registrato un aumento degli interscambi migratori tra i due Paesi. Negli ultimi cinque anni è aumentata del 40% la presenza di cittadini brasiliani nel paese europeo. Tra gli accordi previsti si parla anche di un consolidamento delle frontiere con la Guayana e l’insediamento di una centrale di polizia franco-brasiliana a Saint Georges de Oyapock.

26 luglio: Cuba – Spagna. La cosiddetta ley de nietos, che permette ai parenti di terzo grado di richiedere la nazionalità del familiare cittadino di un altro paese, sta offrendo la speranza per molti cittadini cubani di ottenere il passaporto spagnolo, dimostrando di avere un nonno nato in Spagna. Dal 29 dicembre allo scorso 15 luglio, il Consolato spagnolo all’Avana ha ricevuto 24.435 richieste, delle quali già 8 mila sono state accolte.

28 luglio: Haiti – Usa. E’ di 15 morti il bilancio del naufragio che domenica sera ha colpito un’imbarcazione nelle acque di Turcos e Caicos dopo essersi infranta contro una scogliera e che portava a bordo migranti haitiani. I guardiacoste statunitensi hanno informato del ritrovamento dei corpi e dell’operazione di salvataggio di 113 passeggeri, ma a oggi risultano disperse ancora 65 persone. Secondo le stime delle autorità locali la barca avrebbe trasportato un carico eccessivo di passeggeri.

31 luglio: Spagna. Secondo i dati forniti dal servizio di vigilanza integrato internazionale Frontex la presenza di sin papeles in Spagna nell’ultimo anno si sarebbe dimezzata, grazie ai servizi di controllo marittimo. Tuttavia i dati relativi all’occupazione del Ministero per l’Immigrazione non sono rassicuranti: il numero dei contratti a distanza stipulati da imprenditori spagnoli quest’anno sono circa 10 mila, in netto calo rispetto ai 136 mila stesi nello stesso periodo nel 2008.

31 luglio: Spagna-Ecuador. Verrà aperta un’inchiesta in merito alle percosse subite dal migrante ecuadoriano, Franklin Paredes, al momento dell’arresto per irregolarità in territorio spagnolo. Una volta rimpatriato nel paese d’origine è stata inoltrata la Denuncia al defensor del Pueblo, il quale si è impegnato a far luce sull’ennesimo episodio di violenza da parte della polizia spagnola nei confronti dei migranti arrestati.

31 luglio: Spagna. Nel corso del mese di luglio sono stati registrati 15 arrivi di imbarcazioni di migranti sulle coste spagnole meridionali tra Cadice, Almeria, Murcia e l’arcipelago delle isole Canarie. Il numero dei migranti soccorsi e accolti dalle autorità locali spagnole è di 400 persone.

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter