Nella stessa rubrica

Figli lasciati al paese

Il ritorno

Il velo

Giovani generazioni

Educare i figli in un paese straniero

La gravidanza

Il lavoro

Matrimonio combinato

Matrimonio combinato

Narrazione 1

Io vengo dal Marocco, ho 51 anni, sono qua in Italia quasi 30 anni. Sposata con italiano, però prima...che sposavo con questo italiano, ero sposata al paese mio, per due volte.
Questo matrimonio, sia il primo che il secondo, sono andati male, perché li mariti non li ho scelti io.
Il primo.. è stato scelto da mio padre, e il secondo da mia madre. Io ho vissuto con mia sorella e con il marito di mia sorella.
Ho vissuto con loro perché mia sorella sposata a 14 anni e io ero molto attaccata a lei, e il giorno della festa sua piangevo tantissimo, perché non voglio che lei la portano via, dal marito. Così sono andata con mia sorella e il marito.
Ero tantissimo contenta.
Così ho vissuto con loro finché ho avuto 17 anni.
Mio padre qualcuno li ha detto “guarda c’è una persona...brava…gentile…ricca..che vuole sposare tua figlia” allora lui dice “si, però io non posso farla sposare perché vive con la sorella, dovevo chiedere permesso al marito della sorella”.
Quando lui venuto, l’ha chiesto al marito di mia sorella.
Il marito di mia sorella, arrabbiato, dice “ no, non voglio che si sposa, lontano, così giovane…lasciala con me, vedi…sta bene, studia.. e tutto quanto… lasciala almeno finire le scuole” e invece...mio padre...è tornato da mia madre dice “guarda, sono andato, lui non vuole…”.
Era molto arrabbiato, lui era un po’... un tipo po’ nervoso… un tipo un po’ severo… con mia madre.
Allora mia madre, poverina, aveva paura…ha chiamato mia sorella e ha parlato con lei per convincerla, sennò lui la prende con mia madre, per convincerla a farmi sposare.
Io non sapevo niente di questo marito, non l’ho mai visto non lo conosco, perché lui abita molto lontano.
Io vengo dal nord del Marocco, invece lui abita giù, in sud, in Sahara. Non sapevo niente, so solo che è una persona brava e...ricca, solo queste parole che so.
Mio padre vuole con tutti li costi…un po’ perché...era un po’ povero.., un po’ perché…non li fregava niente.. un po’ perché un po’ severo.. Così lui [mio padre] è venuto un giorno, la mattina, io ho preparato tutta la mia roba, con mia madre venuto...Mia madre piangeva...non vuole però non può fare niente perché… ha paura di lui, e mi hanno preso, mi hanno portato in campagna, così…la famiglia di lui viene qualcuno così per…ci mettiamo d’accordo, così chiede la mia mano…ufficialmente... Io avevo 17 anni e non sapevo niente, sono andata con mia madre. Qualche volta veramente pensavo di scappare però…siccome mi fa mia madre pena, perché mio padre.. magari...li menava…perché un po’ severo...non volevo, ho pensato di accettare questo matrimonio, con la speranza che questa persona…magari un giorno lo amo…non so, e andiamo avanti.
E mia madre mi ha detto “filia mia, persone brave, gentili.. vedrai ti trovi bene..” e queste cose…mi ha convinto. Si sono messi d’accordo.
Dopo due giorni hanno portato quello che scrive l’atto, l’hanno portato a casa e abbiamo scritto l’atto. Però siccome io ero ancora minorenne, mio padre si ha messo seduto, lui al posto mio ha risposto di si.

Io pensavo tantissimo…. com’era questo uomo…chissà come…ero..certo, ero…non lo so...in difficoltà...
Non lo so a che..pensavo a mia sorella, che non ha potuto venire, che io ho vissuto con lei…pensavo al marito suo che è rimasto male…pensavo a mia madre…pensavo a questo marito che io non lo conosco…pensavo che se io scappavo quel momento...paura per mia madre che passa momenti brutti con lui.
E…qualche volta mi faccio coraggio…non lo so era un momento, era un giorno, diciamo, terribile. È stato per me un po’ brutto.
Allora venuto lui, ero tutta pronta io, venuto lui così lui mi prende per braccio e andiamo per metterci seduti alla tenda, dove ci stanno li ospiti la famiglia e l’orchestra.
E poi…arrivo nella stanza, vedo una persona vestito bene, il completo e tutto quanto, oh dio mio era veramente…era…proprio…scuro! Ha la pelle tutta nera! Io non ho mai pensato, veramente! E mi sono svenuta. Non lo so, dopo mi sono svegliata, mi sa mi hanno buttato l’acqua addosso...non lo so che mi hanno fatto!
E d’accapo, non potevano fare niente perché la festa d’accapo…m’hanno truccato, per fortuna c’era la parrucchiera!
Lui era proprio nero nero veramente, perché quelli del Marocco del sud, di più, la maggior parte sono neri, del Sahara, sono neri… Oltre tutto quello era anche più grande di me di 15 anni, io avevo 17, lui mi sa sul 30, 32 anni, così...
Lui diceva “guarda, parlate con lei, non lo so, è disperata..non so..” e qua e la, perché lui pensava che io so che lui nero, perché mio padre sa tutto, ma lui non sapeva che io non so niente.
Ho vissuto con lui un anno, era…veramente era gentile con me però…non l’ho mai voluto...non mi piaceva…non ho mai sentito niente in confronto di lui…

Mio padre mi ha fatto sposare con questa persona per forza non perché la nostra religione musulmana che dice così, anzi all’incontrario, la nostra religione vuole che quando un uomo viene a chiedere la mano di una ragazza, lei dovrebbe essere seduta in fronte a tutti, le due famiglie, lei pensa bene se accetta dice di si, se rifiuta dice di no.
Però questo non viene fatto perchè magari…come me, mio padre mi ha fatto sposare perché questa persona li hanno detto ’guarda è ricco’ e qua e la, per questo motivo.
E così, come la mia storia anche tante altre storie, che magari per povertà, che magari perché il padre è cattivo, che magari per motivo di onore...non lo so... Prima si sposavano giovani da noi, adesso no... per questo motivo tante familie magari...fanno sposare la figlia, anche vuole o non vuole li fanno sposare per forza..così magari uno pensa..se non si sposa adesso giovane...cosa fa dopo? perchè prima si sposava sempre giovani, 15, 17 anni, 16...allora i genitori hanno paura, si questa figlia non si sposa adesso così bella giovani, quando si sposa? E rimane là... e questo...le familie...qualche familia si sente come disonore...una filia grandi, da... 25... a casa che non è sposata, non va bene, per questo magari costretti a fare sposare la filia, per forza, anche con una persona vecchia... grande... che lei non ha mai visto...

Narrazione 2

Io sono nata con Giordania, e quandi...io...16 anni...mi sono innamorata di un ragazzo (del)lo stesso palazzo, e lui differenza di me quasi sei anni. Poi lui viene casa nostra, per parlare con mia familia, lui ha detto “ io volio sposato Mona” mio madre ha detto “va bene, non c’è problema.” Piano piano prima lui conosce l’altra familia... dopo..fatto la festa grande, pure fatto la domanda, pure fatto di atto del matrimonio, pure fatto la casa... anche mobili tutta pronta... anche tutta ammobiliata...
Sempre mia madre e anche la madre del (mio) fidanzato sempre litiga..perchè sua madre, del fidanzato, sempre gelosa per mia madre, perchè familia mia c’ha soldi più di familia di lui.
Poi ha detto mia madre: “Mona lascia questo ragazzo, questa familia non è va bene per te”
Io molto triste... vorrei...io ha detto qualche volta no “mamma io volio fidanzato... che... amo” . Padre andato solo, anche mia madre andato sola per avvocato... per togliere l’atto e io non sapeva niente…. Io aspettava di lui per vieni casa nostra, anche aspetta telefono, lui non parla mai, anche non viene mai... io sempre piangi. Ho detto “mamma perchè Ahmad non vieni?” Ha detto “No, tuo padre andato dall’avvocato per togliere l’atto..”

Mia madre chiamato mia nonna,per venire la Giordania, dopo una settimana venuta mia nonna con Giordania...poi io anche nonna partita la Egitto, mia madre pensa io vado in Egitto da mia nonna, dopo, un mese due meso io...io...io dimenticato questo ragazzo.
Poi quando andata la Egitto, io ancora tristo...io sempre pensare questo ragazzo...
Dopo una settimana è venuto a casa nostra fratel del marito mia sorella, lui vede me, e lui ha detto “tu, si, mi piace” e io non parla con lui mai mai, io andato l’altra stanza..poi lui parlato con mio madre anche mia nonna, ha detto: “io volio sposata di Mona” e mio madre molto contenta, anche mia nonna molto contenta, perchè mia madre sapeve lui... vivono con Italia, loro pensano questo bene…..
Dopo una settimana mio madre chiamato mio padre, fatta la domanda per matrimonia...ancora io non lo volio questo uomo io ...io sempre zitta, pure triste... sempre piange...e mia madre ha detto “piano piano, quando parti per Italia, tu piano piano dimenticato quel ragazzo c’è prima...non pensare a lui”.
La familia del mio marito, pagato per tanti soldi per mia madre e mio padre, per sposarmi... fatto festa bellissima, per me...anche compra tanto tanto oro per me... pure...quando io volio una cosa lui sempre compra... poi sposata con mio marito...
Dopo un mese io venuta qua...venuta a Italia.. io non desiderio mai io vieni Italia...io sentito lui strano..è... uomine strano..no io non sapevo lui bene, anche lui.. non conosce io bene, a lui non piace che io parla con nessuno mai mai...sempre chiuso a casa...
Prima dei tre anni, che siamo con Italia..lui sempre quando va al lavoro lui chiude... io dentro casa, lui chiude la porta a chiave ..che lui ha paura che esco fuori io sola...io pensa lui matto![ride]
quando fatto tre femmine,mie filie... io molto contenta.. anche...piano piano io dimentica...la storia mia.
Anche piano piano io abituata alla vita mia...
sempre io pensare il passato, una vita al passato...e il mio desiderio era di girare con mondo con fidanzato prima, con amore mio...

Narrazione 3

Io ho 21 anni, quando venuto in Italia avevo 5 anni, ...venuto con mia madre, poi studiato qua e quando 16 anni mia madre portato dal Bangladesh, per fare sposarmi...
Io non sono contenta per sposare perchè ancora non finito studiare..volio restare qua, trovare lavoro... studiare ancora più... piace vivere in Italia perchè qua trovo..mi trovo bene... tutti i miei amici...lavoro...mi sento bene qua in Italia...non può vivere in Bangladesh perchè qua mi trovo bene...tutte cose... Non mi piace Bangladesh, perchè io sono abituata qua in Italia..Bangladesh un po’ diverso per me..capito? Tutte persone non può uscire..una giovane donna che non può uscire fuori da solo...poi non c’è possibilità per fare lavoro...non guadagna soldi...così...mi sento un po’ difficile... Bangladesh per vivere... Non volio sposare che uomo non conosco... però per la forza mia madre portato Bangladesh per sposare filio di suo cognato...quando mia madre portato Bangladesh e visto quelle cognato ha detto per sposare poi io ho detto no...no...
Però loro fanno per forza, mi stringeva forte per convincere, io ho avuto paura se non sposo... mamma papà...oppure familia...se non sposo... litiga forte.
Poi succede... una cosa che brutta per me ...ecco perchè io ho sposato. Quando sposato resto in Bangladesh e casa di mia socera..mamma papà tornato in Italia perchè loro hanno lavoro, allora lasciato là sola...e mi sento male...perchè mi sento... come dico... strano, un po’ per me...come dice? come un animale, che dentro c’è gabbia, no? Così...sempre mangio, dormo..poi parlo poco...sempre sto a casa.
Piano piano io ha detto mio marito, “io non piace questo” e lui ha detto ”no no tu sposato qua e allora devi restare con a me, non può andare in Italia”
Io non so che cosa posso fare per me...io pensato tanto...poi ha detto mia madre “Guarda, io vengo in Italia” però mia madre detto “no no tu devi stare Bangladesh, perchè te sposato...fai figli...stai con tua socera..” Poi io piano piano fatto mia decisione: qualche parte lasciato un po’ soldi per fare bilietti...poi comprato un bilietto piano piano.. io non ho detto a nessuno..poi nascosto nascosto sono andata in Italia, poi telefonato a mio marito “ehm guarda io sono venuta in Italia...” Lui si è arrabiato e tutta mia familia pensato un po’ male di me...però questa cosa non mi entra niente, perchè qua mi trovo bene, trovo lavoro amici...mi trovo bene

Narrazione 4

Io vengo dalla Asmara, Asmara Eritrea
La mia sorella sta qua a Roma, quando stava la mia sorella io telefono e dico: “io volio uscire in Italia”, però quando sai io volio uscire lei tutta fatto la documenti per fare venire qua..
Però il paese mio, maschi e femine fanno servizio militare. Però quando si fa servizio militare, che non lo fai, non ti fanno fare uscire..io volevo venire qua, non so come fare e quindi io penso sposare italiano. Dopo lui l’ha visto la foto di me da mia sorella “questa chi è?” “questa -ha detto- è la mia sorella”.
Lui ha chiesto ala mia sorella per mi fare sposare con lei, e lei ha detto “se li fai fare tutto documenti, se me la aiuti, io la faccio fare sposare a te”.
E poi lui è venuto paese mio, si è conosciuti, si è sposati là. Per uscire dal paese, per scappare guerra e venire qua, s’è sposata con lui. Quando è venuto Asmara io vistoli all’aerporto, quando entrato aerporto è venuto con due stampelle...e io pensare più...bello..più forte...però...non tanto!
Quando ha visto malato, io devo sposare lo stesso,per forza. Io non volio fare militare, anche non volio andare prigione. Io volio venire Italia, così s’è sposati.
Quando si è arrivati qui in Italia prima lavorava lui e si andava bene, adesso senza lavoro rimasto a casa..rimasto senza lavoro, sempre a casa...adesso non è che tanto bene...
Perchè poi si è geloso e poi non si andava bene, sempre... La vita mia non sta bene per me, perchè io non parlo, non parlo nessuno...non gioca con bambini, non parlo con nessuno...e perchè il mio marito non volio a nessuno che parlavo, che gioco, che parlo. Io...lui non voleva che a fare..a giocare con nessuno...io sempre a giocare insieme bambini, sempre a casa...
E la picchia tante volte si tante volte no, sempre strillava... urlava...strillava...sempre nervoso... Però per me è meglio in Italia, almeno la trovo una qualcosa...a Asmara, al paese mio, non c’è niente di niente

Narrazione 5

Sono vieni dall’Egitto. Sono sta in Italia è quasi da tredici anni. Sono sposata da 13 anni con un egiziano.
Sono conosciuto mio marito da 16 anni fa, sono incontrato prima volta in Egitto, per la posta...sono andato alla posta per manda una lettera per mi zia.. sono incontrato lui di là, ma quando l’ha trovato lui, c’è un anziano, volio passa avanti lui, e lui non volio passare...lei(ride)! Sono litigato con lui per questa cosa “ma perchè non volio passa questa signora? un’anziana…povera!” lui ha detto per me “sono già passate quasi 10 persone avanti me, e non posso restare tutti il giorno dentro la posta!!” poi sono andata, pure lui andato.
Dopo una settimana sono andata dalla filia di mia zia, l’ha trovato a lui di là!!
Quando visto lui... ho detto per filia di mia zia “ma tu conosci questa persona?” (ride), ma pure lui li ha chiesto la stessa cosa “ma tu conosci la questa ragazza??” ha detto “si, è filia di mia zia” e lui raccontato tutta la storia per (alla) filia di mia zia, siamo litigati prima..la prima volta della posta!
Così dopo, sono visto lui quasi due volta, poi sono parlato con mia madre, che mi piaci queste persona...! Sono proprio portato lui la casa nostra e ho detto per loro: “ volio sposato lui!!”(ride)
Mia familia ha detto “va bene, vediamo...prima volio venire dalla familia di lui”, è venuta una volta e loro mettiamo d’accordo per...per fare matrimonio, per fare tutto queste quanti, e poi...sono sposata!! Tutto va bene per noi.
La mia familia fatto d’accordo per questo matrimonio, sono fortunata per questa cosa però...c’è altri miei amici…c’è altra una persona della familia fa qualcosa...diverse (ci sono persone in altre famiglie che fanno diversamente), non è la stessa cosa...solo me fortunata per queste cosa..
In Egitto c’è... c’è tante persone, non è tutto uguale, c’è...la differenza per...c’è una persona posso scelta il marito una persona no..scelto solo la familia per lei..ma anche per uomo è la stessa cosa, posso la familia scelto una ragazza per lui non è...ma lui sposa anche per forza non è...non è solo per la donna, anche per maschio la stessa cosa.

Narrazione 6

Mi chiamo Asma, vengo della Siria, ho trent’anni, sono sposata e venuta qua in Italia con mio marito, quasi…sette anni vivo qua in Italia. Quando studiavo università, Damasco, l’inverno studiava l’estate lavora un po’ dentro negozio che vendere giochi per bambini, come barbie..così..giocatoli...
Mio marito vive in Italia da 20 anni, e ogni anno lui torna al suo paese per trovare sua familia, la madre.. e per caso lui fa la passeggiata nel centro storico di Damasco, dove lavoro io, e lui entrato negozio, vole comprare giochi per suoi nipoti, così... per regali, manda..per... regali. Dentro negozio ho conosciuto mio marito!
Quando ho visto la prima volta, ho parlato con lui un po’ però...non ho pensato niente, solo che siamo amici, parliamo sempre con telefono..anche dopo lui partito... quando ho conosciuto lui purtroppo dopo due giorni, dopo due giorni lui partito. Parliamo solo con telefono, internet... così quasi un anno.
L’altro estate lui è tornato un’altra volta nel nostro paese, così...è nata...una storia...d’amore!(ride)
Ci vediamo sempre, andiamo fuori a cena... fuori, facciamo passeggiata parliamo sempre poi...ho sentito..mi piace...è un uomo libero...ottimista...aperto...e non come ragazzi, così... non hanno niente, solo a giocare e così...lui no, è molto serio.
E poi ha detto lui se possiamo sposare, come puo venire lui a casa nostra, parla con miei genitori...
Qua è cominciata il problema, perchè lui più grande di me, quasi 15 anni...e anche lui sempre vive fuori paese, in Italia, nessuno conosce lui... per quello c’è problema per genitori... anche mio padre non li piace che io stare lontano da lui, anche mio madre...per quello cominciati problemi.
La prima volta subito mi ha detto mio padre no. Sempre io parlo con loro che io volevo lui, che io...mi piace...io sono grande, lo so cosa volio e se lui giusto per me o no, perchè... ho sentito lui diverso di tutti li altri giovani, ragazzi...volevo sposare lui, anche se i genitori non voliono.. E dopo una piccola guerra, (ride) un mese.. quasi due mesi, sempre parlo con loro, anche prima volta quando...mio padre sapeva che io esco con lui, mi ha detto basta, non può uscire fuori casa da sola, telefono niente, lavoro niente! Così lascio anche il lavoro per forza.
E però... alla fine, andata..tutta bene! Poi, finalmente, ci siamo sposati.. e poi sono venuta con mio marito qua in Italia.
Ho venuta proprio il terzo giorno, il primo giorno facciamo matrimonio, il terzo giorno la mattina sono qua... venuta qua in Italia, subito!! Però quando io ho fatto questa cosa dopo me c’è tanti donne nel mio familia fanno la stessa cosa, hanno il coraggio quando guardo loro io sono contenta, tutto va bene... loro preso un po’ coraggio di fare come me! Per quello, veramente, una bella cosa!

Il progetto
Français
English

Interviste e racconti
Africa
Europa
Nord America
Sud America
Australia
Asia

Politiche migratorie e dispositivi di controllo
Interviste e documenti
Cronologia

Immagini e Video
Video
Immagini

Links
scritture migranti
escrituras migrantes
Passaparole Milano

Iscriviti alla Newsletter